E ADESSO E’ TUTTO IN DISCESA….

E ADESSO E’ TUTTO IN DISCESA….

Sopravvissuto… Soddisfatto… Deluso… Mi sono divertito… Che faticaccia… Mi accontento… L’ho finita…
…e chissà ancora quanti aggettivi abbiamo accostato a Marcialonga dopo aver tagliato l’agognato traguardo di Cavalese!
Vincitori, vinti e quelli dell’ “IMPORTANTE E’ PARTECIPARE”, tutti dal primo all’ultimo comunque porteremo a casa un’altra volta ricordi ed emozioni indelebili che solo un evento di questo calibro può trasmettere e scolpire nel nostro cuore!
MARCIALONGA signore e signori, non serve aggiungere altro per descrivere tutto ciò!
Chi focalizza mesi di preparazione e di “sacrifici”… per quell’ultima domenica di Gennaio, e chi quasi la improvvisa o la fa per scommessa col proprio collega di lavoro, 7500 persone che comunque si concentrano nelle meravigliose Valli di Fiemme e Fassa per “LA” Festa del Granfondista sugli sci stretti.
Il sipario è già calato a Cavalese domenica sera, e con un po’ di nostalgia noi di double-poling.com ricordiamo il nostro primo articolo ad inizio Settembre, dove ci lanciavamo in questa meravigliosa avventura con l’intento di dare qualche dritta, di svelare qualche segreto in più a tutti gli appassionati, chiaramente con uno sguardo rivolto a “quella domenica”…
Speriamo di essere riusciti a farlo, e che i nostri consigli vi siano stati utili, magari a cogliere qualche aspetto in più sul come avvicinarsi all’evento e come gestire la vostra preparazione.

Sicuramente adesso, archiviata “LA REGINA”, non possiamo e non dobbiamo fermarci, anzi è il momento in cui tutto può diventare più semplice. Infatti tutto il lavoro che abbiamo fatto in questi mesi in vista dell’appuntamento clou della stagione, ci ha dato un ottima base su cui ripartire, logicamente dopo aver recuperato per bene!!!!
La stagione è ancora lunga e altri importanti appuntamenti ci aspettano, addirittura per chi “non molla mai” l’ultima tappa del VISMA SKICLASSICS avrà luogo a Levi(FIN) l’ 8 Aprile…!!!
In Italia abbiamo Granfondo del calibro di DOBBIACO-CORTINA, VAL CASIES, MONTE BONDONE SKIMARATHON, per citarne alcune, se poi andiamo all’estero possiamo sbizzarrirci, una su tutte….chiaramente la VASALOPPET!!!

Quindi non “molliamo la presa” e sfruttiamo la condizione che ci lascerà in eredità la Marcialonga, qualche giorno di scarico, due o tre lunghi lenti, e “riaccendiamo i motori” qualche giorno prima della prossima battaglia con qualche lavoro breve di qualità.

Ricordatevi comunque e sempre che se anche tutte le “ciambelle non escono col buco”, e ci riferiamo ai delusi di domenica scorsa, dobbiamo ritenerci fortunati solo perché in questi mesi abbiamo avuto il privilegio di SOGNARE… e abbiamo ancora una volta colto l’essenza dello sport, LA FATICA, “droga pesante”… gratuita, che regala emozioni indescrivibili…

GRAZIE A TUTTI DI FAR PARTE DEL NOSTRO VIAGGIO, vi salutiamo però senza prima non avervi come al solito ricordato…
STAY TUNED E BUON DOUBLE POLING!!!

7 thoughts on “E ADESSO E’ TUTTO IN DISCESA….

  1. Ciao Bruno volevo complimentarmi per la brillante prestazione alla marcialonga come sempre sei ai vertici tra gli italiani, ci puoi fare un resoconto della tua gara, inoltre quanto credi che sia il divario con gli scandinavi e cosa mettere in campo a tutti i livelli per ridurlo o azzerarlo?
    Grazie e buon proseguimento di stagione
    Marcello

    1. Ciao Marcello, grazie dei complimenti ma a dire il vero non sono per niente soddisfatto di domenica scorsa… Comunque ce l ho messa tutta fino in fondo senza mollare e sulla cascata pur essendo “alla frutta” mi sono ancora difeso… Adesso vedo se fare due righe sulla mia gara, anche se non vorrei cadere nella retorica dei problemi avuti…
      Ciao a presto

  2. Scrivi ,scrivi Bruno sicuramente sarà un modo per immergersi in un altra realtà, la tua appunto , credo che il racconto della gara, sia la concretizzazione di tutto quello che anima il sito intendo i consigli su allenamento, alimentazione, sciolinatura, ecc. E ti assicuro che nulla del tuo racconto potrà essere retorica essendo che nell’ ambiente dello sci di fondo sei conosciuto e stimato anche per la tua onestà intellettuale e sportiva.
    In attesa di vivere i tuoi 57 km. Un saluto
    Marcello

    1. “L’ amarezza che sto cercando di nascondere a chi mi stava aspettando a casa con le braccia aperte è tanta, ma l’orgoglio di avere ancora una volta dato tutto un po’ mi rasserena…….” . Sono le parole di un UOMO che non conosco di persona e che stimo, del quale seguo le gesta sportive da anni. Da giorni mi rimbalzano di tanto in tanto in testa, perchè quando anch’io gareggio (non ai tuoi livelli) sugli sci stretti o nel running, so che oltre ai miei mille sacrifici c’è anche chi a casa mi attende con pazienza e comunque vada mi abbraccia.
      Per tanti di noi sei comunque da imitare.
      Grazie

      1. Grazie Alessandro, quando ti alleni 25/30 ore alla settimana, quando manchi da casa tanti gg per gareggiare anche a migliaia di km da casa, la cosa più dura da affrontare, il sacrificio più grande che ti assilla è proprio quello di stare lontano dalla tua famiglia e spesso mancare in momenti importanti per i tuoi figli..
        Tutto il resto è passione e se fossero sacrifici significherebbe che non amo abbastanza quello che faccio… È dura ma mi sento fortunato di poterlo fare..
        Mai mollare Ale, se ti fa stare bene stai facendo la cosa giusta, e di sicuro le tue gesta saranno mitiche per chi ti segue da casa, a qualsiasi livello, sarai il loro “eroe”…

  3. Double poling = Bruno Debertolis in Italia!
    Tutti noi ci auguravamo un bel piazzamento per te alla marcialonga, ma bisogna fare i conti con un parterre di atleti ogni anno più agguerriti!
    L’interesse dietro al movimento cresce e questo è anche merito tuo!

    1. Grazie Tiziano, mi lusinghi.. ma soprattutto mi rendi orgoglioso!! Alla fine di una gara come la Marcialonga ti passano davanti “film interi” di quello che hai dovuto fare e talvolta sacrificare.. per essere li, quel giorno, quei kilometri che inesorabilmente passano sotto i tuoi i sci, i tuoi skiroll, e tutto il resto…, pronto fisicamente psicologicamente e con un lavoro all’altezza sui materiali… Purtroppo o per fortuna il livello è diventato incredibilmente alto, e se solo uno di questi aspetti non prende la direzione giusta c’è poco da fare.. Ho focalizzato tutti i miei sforzi sulla seconda metà del mese di Gennaio e da buon “vecchietto” ero riuscito ad arrivare più che pronto, purtroppo non tutto è filato liscio sotto i piedi….!!! fa parte del gioco in bene e ahimè in male…forse è il bello del nostro meraviglioso sport!!! Mi fa molto piacere che ci sia sempre più interesse a riguardo e questo non può che essere positivo e speriamo che un giorno qualcuno riesca ad infilare quella corona d’alloro a Cavalese mentre tutti al Parterre canteranno a squarcia gola l’INNO D’ITALIA!!!
      Continua a seguirci e come sempre buon double poling!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *